Recensione - “Senza far rumore”


“Senza far rumore”
Di Riccardo Castiglioni 
Editore: La Ponga Edizioni
Collana: Nessun alibi
Pagine: 272
Prezzo: euro 18,00
Data di uscita: 30 giugno 2017

Per chi ha voglia di un giallo molto carino questo è quello ideale. Oltre all’avvincente storia gialla che scorre molto bene, ci sono alcuni colpi di scena che arricchiscono la vicenda che inizia grazie alla richiesta di un libro da parte di Antonio (argomento che stuzzica molto noi appassionati di lettura). I personaggi sono ben descritti, anche a livello psicologico, e lanciano la sfida al lettore per stupirlo e per metterlo in difficoltà se realmente sono come sembrano o se nascondono qualcosa di misterioso. Indubbiamente è assolutamente molto interessante il protagonista, Antonio, che nel corso della storia muterà caratterialmente dimostrandosi forte, infatti non si arrenderà per raggiungere ciò a cui tiene ed in cui crede fermamente, si farà conoscere man mano durante il procedere della lettura. Il lettore si pone delle domande durante la vicenda e l’autore è molto bravo nel dosare le informazioni per incuriosirlo nel modo migliore e nella quantità giusta. Tutto parte con un ritmo pacato, lineare e man mano che si procede si percepisce che sta per succedere qualcosa ed inoltre le vite dei personaggi si fanno sempre più dettagliate ed interessanti. Molte sono le domande: cosa hanno in mente, come reagiranno, nascondono qualcosa di particolare, quale segreto hanno taciuto fino ad allora ? La seconda parte del libro è sicuramente la più avvincente ed anche quella con i colpi di scena più interessanti. Piano, piano i nostri dubbi ottengono le loro risposte. Leggendolo mi sono immaginato una ambientazione cupa e molto misteriosa che mi ha intrigato durante lettura grazie anche al modo di agire di Antonio. Intorno a lui ruotano altri due personaggi: il suo amico Lele e Mammà che è per lui come una madre adottiva. Oltre a loro c’è la co-protagonista Claudia che aggiunge vivacità alla storia, mentre la parte di mistero è assicurata grazie alla presenza di un altro personaggio molto particolare di cui non voglio anticiparvi nulla.
La scrittura di Riccardo Castiglioni, è sicuramente molto scorrevole, appassionante e genuina. Come ho scritto sopra, sa dosare gli ingredienti del giallo nel modo giusto, senza eccessi, ma con precisione, riuscendo a tenere il lettore incollato alla storia. Interessante è sicuramente il fatto che, oltre alle indagini ed ai misteri che vengono narrati, dia ampio spazio anche alle personalità dei personaggi, tanto da riuscire ad arricchire in modo davvero costruttivo tutta la vicenda. Si respira un’aria di inquietudine, di mistero e molta voglia di rivincita, tutti elementi assai importanti ed avvincenti, che sicuramente stimolano chi ama leggere un giallo.
Mi è piaciuto perché, appunto, mi ha invogliato nella lettura e mi ha fatto nascere domande mentre giravo curioso le pagine. Se devo trovare un difetto, potrei dire che avrei gradito qualche colpo di scena maggiore lungo tutta la narrazione, perché amo il ritmo molto serrato. Comunque è sicuramente un libro che promuovo, che ho letto in due giorni ed in cui mi è piaciuto il personaggio di Antonio ricco di sfaccettature. La parte finale è molto significativa ed emotivamente interessante.

Vi riporto un passaggio :

“Un tempo anch’egli si era sentito circondato da persone con cui confidarsi e confrontarsi, verso le quali provare slanci emotivi, a cui sentirsi vicino. Aveva riposto nell’amicizia una fede cieca e senza riserve. Ma le persone cambiano; i ragazzi crescono, diventano adulti. E per quanto me lo chieda spesso non so rispondermi se gli adulti siano capaci di amicizia”


Trama
Una vita vissuta in sordina, una ragazza ignara del pericolo che corre, il passato oscuro che ritorna. Antonio, insegnante in pensione, conosce on line Claudia, un'universitaria appassionata di libri come lui. Le strade dei due si divideranno per colpa di un banale equivoco per poi tornare a incrociarsi quando, dal passato di Antonio, un vecchio incubo dimenticato emergerà minacciando Claudia.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista all'autore: Andrea Tagliaferri

Recensione - “Il potere e la magia del perdono”

Recensione - “La collina di Dio”