Recensione - “La danza dei giganti”

“La danza dei giganti”
Di Francesca R. Cicetti
Editore: Augh!
Collana: Ombre
Pagine: 190
Prezzo: euro 13,00
Data di uscita: 5 aprile 2018

Un giallo scoppiettante in cui i personaggi sono assai molto variegati e ben descritti, inoltre la presenza di diversi colpi di scena e di un buon ritmo rendono questo libro una piacevolissima lettura.
Il punto forte è, senza ombra di dubbio, il brillante e particolare commissario Picard che sicuramente apprezzerete perché è diverso da tutti gli altri che ricoprono il suo ruolo, infatti ci si chiede come sarebbe se fosse più pratico e più riflessivo, ciò vi fa capire qualcosa di più di lui . Inoltre l’indagine è davvero ricca di momenti che vi colpiranno e vi terranno con gli occhi sulle pagine, in balia di scoprire cosa sia realmente successo e le sorti dei vari personaggi che l’autrice, man mano, fa entrare abilmente in scena. Tra le diverse domande che sorgono al lettore già dall’inizio, è sapere se realmente Dresner sia il colpevole o no ed intanto ecco che assistiamo ad altri omicidi. Si parte, infatti, già con un ipotetico responsabile dell’omicidio, ma poi con tutto ciò che accadrà, procedendo nella lettura, le carte verranno mischiate molto bene e i dubbi aumenteranno.
Lo stile è avvincente e i diversi dettagli rendono la lettura molto interessante coinvolgendoci come piccoli nuovi investigatori cercando di capire meglio la situazione provando e tentando di dare qualche risposta o almeno ipotizzare le motivazioni. E’ un continuo crescere di tensione che regalano alla storia un interessante ritmo. Inoltre il commissario ha anche i suoi problemi personali con Marguerite e quindi sarete catturati anche da quei passaggi in cui se ne parla.
Picard è proprio come un artista con tutti i pregi e i difetti che tale figura comporta, è un personaggio che non dimenticherete facilmente e coloro che ruotano attorno a lui come il suo vicino di casa Jerome o l’ispettrice Gutierrez renderanno la vostra lettura ricca anche di momenti memorabili grazie ai loro scambi di battute. Molto interessante risulta pure il modo, del commissario, di analizzare tutti i dettagli sia della scena del delitto sia tutto ciò che riguarda il caso da risolvere.
Una volta risolto il mistero e finito il libro sono sicuro che resterete sorpresi e piacevolmente colpiti da questo giallo, diverso da molti altri del genere, e scommetto che sarete molto soddisfatti dai personaggi che lo hanno animato. Concludo aggiungendo che all’interno, tra i vari misteri da risolvere, c’è anche quello dei maiali e dei cinghiali !!!
Ed ora un passaggio di questo bel libro:

“Al centro, con la schiena poggiata a un albero, lo sconosciuto della videocassetta impugnava una pistola nella mano rigida e bianca. Pallido e grigiastro più di quanto non fosse nelle riprese, sporco di fango e sangue. Aveva un buco nella tempia, il cranio sfondato, le braccia appese”


Trama
Kristjen Dresner non ha i connotati del criminale: colosso gentile e gradevole, lavora in una scuola. Un filmato, registrato su una videocassetta recapitata in commissariato, tuttavia lo inchioda come assassino di Lavinia Swann, popolare archeologa e restauratrice di Tabee Hills. Julian Valentin Picard, dal canto suo, non ha l'aspetto del commissario: rosso e bellicoso come un folletto, analizza la realtà attraverso disegni realizzati di suo pugno. Sarà lui a guidare la squadra delle indagini, procedendo a ritroso per fare chiarezza su un'inquietante serie di omicidi. Gli indizi a disposizione confondono le acque e, per trovare la logica corretta, a Picard non resta che sincronizzarsi sui passi dell'imperscrutrabile gigante. Prefazione di Cinzia Tani.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista all'autore: Andrea Tagliaferri

Recensione - “Il potere e la magia del perdono”

Recensione - “La collina di Dio”