Il libro del giorno - “Tokyo Express”

Ciao a tutti voi
Oggi il vi consiglio un libro noir  delle edizioni “Adelphi” . Sembra molto interessante e intrigante, Stuzzica e stimola la lettura incuriosendo e mettendoci alla prova, quindi perché non leggerlo? 

“Tokyo Express”
Seicho Matsumoto  
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Pagine: 175
Prezzo: euro 18,00
Data di uscita: 27 febbraio 2018
Traduttore: Gala Maria Follaco
  

Trama
In una cala rocciosa della baia di Hakata, due corpi giacciono composti su una lastra bruna. L’aria fredda e salmastra solleva un lembo del kimono di lei. Entrambi sono giovani e belli. Il colorito roseo delle guance rivela che hanno assunto del cianuro. Un suicidio d’amore, non ci sono dubbi. La polizia di Fukuoka sembra quasi delusa: niente indagini, niente colpevole. Ma, almeno agli occhi di Torigai Jutaro, un investigatore dall’aria indolente e dagli abiti logori, e del suo giovane collega di Tokyo, Mihara Kiichi, qualcosa non torna: se i due sono arrivati con il medesimo rapido da Tokyo, perché mai lui, Sayama Ken’ichi, funzionario di un ministero al centro di un grosso scandalo per corruzione, è rimasto per cinque giorni chiuso in una locanda in attesa di una telefonata? E perché poi se n’è andato precipitosamente lasciando una valigia? Ma soprattutto: dov’era intanto lei, l’amante, la seducente Otoki, che di professione intratteneva i clienti in un ristorante? Bizzarro comportamento per due che hanno deciso di farla finita. Per fortuna sia Torigai che Mihara diffidano delle idee preconcette, e sono dotati di una perseveranza e di un intuito fuori del comune. Perché chi ha ordito quella gelida, impeccabile macchinazione, quel perfetto congegno è così diabolico da capovolgere la realtà. Non solo: è un genio nella gestione del tempo. Qualcuno capace di considerare infinite combinazioni di numeri, di tracciare linee e poi farle incontrare. Per lui dev’essere come una meditazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Daiva Lapen

Intervista all'autore: Fiorino Ludovico Smeraldi