Premio Pulitzer 2018 - "Less"


Buongiorno a tutti voi, buon martedì
oggi, seppure con un po’ in ritardo, vi comunico che il  “Premio Pulitzer 2018” per la narrativa è stato vinto da Andrew Sean Greer col libro “Less”.
Questo premio statunitense è uno dei maggiori riconoscimenti per i giornalisti.

“Less”
Di Andrew Sean Greer 
Editore: La Nave di Teseo
Collana: Oceani
Pagine: 292
Prezzo: euro 19,00
Uscito il 12 ottobre 2017
Traduttore: E. Dal Pra

Trama
Problema: sei uno scrittore fallito sulla soglia dei cinquant'anni. Ti arriva un invito di matrimonio per mail: il tuo ex fidanzato con cui sei stato per nove anni ora sta per sposare un altro. Non puoi accettare - sarebbe troppo strano - e non puoi rifiutare - sembrerebbe una sconfitta. Sulla tua scrivania ci sono una serie di improbabili inviti letterari che hai ricevuto da tutto il mondo. Domanda: come puoi filartela? Risposta: Li accetti tutti. Se sei Arthur Less. Così inizia una specie di fantasioso giro del mondo in 80 giorni che porterà Arthur Less in Messico, Italia, Marocco, India, Giappone riuscendo a frapporre migliaia di chilometri tra lui e i problemi che si rifiuta di affrontare. Cosa potrebbe andare storto? Tanto per cominciare: Arthur quasi si innamorerà a Parigi e quasi morirà a Berlino, per poco riuscirà a rifugiarsi in uno chalet marocchino sfuggendo a una tempesta di sabbia e arriverà in Giappone troppo tardi per la fioritura dei ciliegi. Nel mezzo: patiti della fantascienza, accademici pazzi, stanze d'emergenza, attricette, dottori, ex, e su un'isola deserta nel mare Arabo l'ultima persona sulla Terra che vorrebbe vedere. In un punto impreciso lì nel mezzo, compirà cinquanta anni. La seconda fase della vita, mentre la immagina, gli casca addosso come la seconda fase di un missile: vi troverà il suo primo amore, e anche l'ultimo. Una storia d'amore, una satira degli americani all'estero, una meditazione sul tempo e sul cuore dell'uomo, uno scrittore al culmine del suo talento che alza il sipario sulla commedia umana che viviamo tutti.




Andrew Sean Greer
è nato nel 1970 a Washington. È l’autore di Le confessioni di Max Tivoli (scelto come miglior libro del 2004 da San Francisco Chronicle e Chicago Tribune e vincitore del Northern California Book Award, il California Book Award, il New York Public Library Young Lions Award, e l’O. Henry Award), Storia di un matrimonio e Le vite impossibili di Greta Wells. È direttore della Fondazione Santa Maddalena.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Daiva Lapen

Intervista all'autore: Fiorino Ludovico Smeraldi