Intervista all'autore: Daniele Torsello

Care lettrici e cari lettori,
Daniele Torsello è l'autore di questa settimana, infatti l'intervista è dedicata a lui ed al suo libro "L'esperimento" di cui trovate, nel blog, la mia recensione (con la trama)  e vi consiglio di leggerla prima di immergervi nelle domande  risposte qui sotto.

Daniele Torsello nato a Lecce nel 1973, dopo gli studi scientifici si trasferisce a Bologna per conseguire la laurea in Giurisprudenza. Inizia a lavorare nel settore creditizio e si appassiona alla lettura dei Legal Thriller. Dopo quindi anni si trasferisce a Milano, città in cui decide di stabilirsi definitivamente e di ricoprire il ruolo si sales manager all'interno di una società di servizi.
Nel 2017 vince con il racconto "Oltre il buio" il concorso letterario "Luce Nera", indetto da edizioni "Senso Inverso".

"L'esperimento" è il suo primo romanzo Thriller.


1 – Se ci sono state, che difficoltà hai incontrato durante la stesura del libro?

Come ogni prima volta, la difficoltà iniziale nella scrittura di un romanzo è riuscire a vedere l’opera nel suo insieme. Il rischio è di perdersi nelle trame del racconto, soprattutto se la storia è particolarmente complessa, articolata in piani temporali diversi e riguarda personaggi la cui identità viene in qualche modo manipolata per ingannare il lettore. Intrappolare la fantasia nei canoni rigidi che permettono a una storia di essere credibile è stata una delle sfide più dure e entusiasmanti.
  
2 – I personaggi sono molto interessanti e ben costruiti, tra questi Ted Miller: come è nato?
  
Ted Miller interpreta la figura della vittima sacrificale, ed è il personaggio che alimenta le ambizioni di uno dei protagonisti della storia - l’antieroe, per capirci, che io chiamo il “burattinaio”.
Nasce dalla necessità di impersonare la sofferenza di chi è costretto, inconsapevolmente, a ricoprire il ruolo di cavia umana nella sperimentazione farmacologica.
Il messaggio che si cela dietro il racconto, pur se esasperato per ragioni di finzione scenica, è appunto il tema del “business delle cavie umane”, prassi ad oggi diffusa in tutto il mondo, e che alimenta un giro d’affari enorme.
Con questo non mi spingerei a dire che la storia vuole essere una denuncia di questo fenomeno, ma sicuramente ha lo scopo di voler provocare una riflessione etica nei lettori, considerato che spesso il consenso al trattamento farmacologico sperimentale è ottenuto proprio sfruttando le condizioni di disagio economico e sociale in cui si trovano i pazienti.
  
3 – Com’è avvenuta la scelta della copertina?
  
Personalmente ho fornito lo spunto per l’ambientazione all’interno di una metropolitana, un luogo che ha ispirato per certi versi l’intera storia e che vede l’azione di alcuni dei momenti chiave del romanzo. L’editore ha poi voluto sperimentare una grafica nuova, direi fumettistica, offrendo spunti visivi diversi dalla tipica immagine fotografica di copertina. L’idea era di incuriosire il potenziale lettore, senza dare troppi indizi, ma sfruttando soltanto il link tra immagine e titolo.
  
4 – Com’è nata l’idea del “Progetto Miller” (senza però anticipare nulla al futuro lettore)?
  
In realtà è stata frutto di una combinazione di eventi. Le idee che nascevano spontanee durante la scrittura hanno incontrato il mio personale interesse nell’affrontare il tema dell’accanimento terapeutico, evidenziandone gli aspetti etici e offrendo al lettore uno spunto di riflessione che sintetizzerei riportando un passo della prefazione “Fino a che punto sia consentito spingersi nel tentativo di migliorare la condizione dell'uomo non è dato saperlo, soprattutto se gli sforzi, grandi o piccoli che siano, nascono dalla sofferenza altrui e si nutrono di essa come in una spirale senza fine.”
  
5 – Hai fatto qualche ricerca particolare per affrontare l’argomento e prenderne spunto?
  
Non c’è stata una vera e propria pianificazione nella raccolta delle informazioni, perché tutto è avvenuto “work in progress”. Alcuni dati per la comprensione e descrizione dei passaggi legati al tema medical li ho attinti da fonti ufficiali, ma non è stato un aspetto che mi ha impegnato in modo particolare. L’ho risolto via via che la storia prendeva forma e quando la situazione lo richiedeva, senza addentrarmi troppo per evitare di incappare in tematiche fuori dalla mia portata.
  
6 -  Ci puoi raccontare, se c’è, un aneddoto sul tuo libro?
  
L’incipit del romanzo nasce appunto da uno dei miei viaggi nella città di New York, proprio mentre mi trovavo nel vagone di un treno della metropolitana. Ricordo di essermi soffermato nell’osservare la gente che mi stava attorno, cercando di intercettarne i pensieri e ricostruirne le singole vite, osservando gli sguardi, i comportamenti e il modo di vestire. Tutto nasce da quel momento.
  
7 –  Ti piacerebbe scrivere anche un altro genere e se sì quale?

Mi considero una persona molto dinamica, creativa e imprevedibile. Mi affascinano il mistero, la suspense e i contrasti. Perciò oltre al genere Thriller, gli altri che potrebbero essermi più congeniali sono l’Horror e il Noir, generi che però ho appena iniziato a prendere in considerazione, e sui quali avrò ancora tanto da lavorare.
  
8 – Oltre alla scrittura quali sono le altre tue passioni?
  
Oltre alla lettura, ovviamente, che prediligo per diletto e perché è il primo strumento di lavoro di un autore, adoro viaggiare e fare sport, in particolare tennis e nuoto. La cucina, inoltre, è un’altra mia grande passione. Rappresenta per me una delle poche esperienze capaci di coinvolgere tutti i sensi e offrire la possibilità di condividerne il piacere con le persone a cui vuoi bene.

9 -  Quali sono i tuoi autori e libri preferiti: puoi citarmene un paio?
  
A parte autori che mi hanno affascinato quando ero più giovane, come Grisham, Stephen King e Michael Connelly, ultimamente apprezzo romanzi di autori che non appartengono propriamente al genere thriller, come “L’avversario” di Emmanuel Carrère e “Le ragazze” di Emma Cline, che, con il loro spessore, rappresentano una importante fonte di ispirazione. In ogni caso, non mi sento di affermare di avere un autore preferito.
  
10 - Sperando in un altro tuo libro, ti chiedo se puoi anticiparci qualcosa circa i tuoi progetti per il futuro?

Ovviamente in cantiere c’è un nuovo Thriller, del quale, a differenza di quello in questione, ho già definito l’intera storie e struttura, finale incluso. Mi restano da caratterizzare meglio i personaggi e cercare, soprattutto, di terminarlo entro breve. Nel prossimo futuro lavorerò sempre più sui contenuti e sulla storia, cercando nuovi spunti per dare al lettore qualcosa di veramente diverso e originale dal panorama italiano attuale.
  
11 - Infine una curiosità: qual è stato il tuo ultimo libro che hai comprato e/o letto?
  
Ho appena terminato “Ogni nostra caduta” di Dennis Lehane, di cui ho apprezzato, oltre alla storia, condita con la giusta dose di suspense,  anche lo stile, raffinato e mai eccessivo.


 Grazie del tempo che mi hai dedicato 

A presto
Gabrio







Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Daiva Lapen

Intervista all'autore: Fiorino Ludovico Smeraldi