Recensione: “La figlia che diede alla luce suo padre”

“La figlia che diede alla luce suo padre”
Di Roberto Lodovici
Editore: Europa Edizioni
Pagine: 136
Prezzo: euro 15,00
Uscito il 4 novembre 2017

Questa recensione riguarda un libro davvero intenso e molto profondo che ho avuto il piacere di leggere grazie all’autore. Il curioso e particolare titolo trova una sua spiegazione nella storia. E’ un romanzo da leggere con calma per assaporare ogni pensiero ed ogni concetto che possono essere davvero molto costruttivi anche per noi lettori.
Si parla di due rinascite, ebbene sì non solo della figlia che è nel grembo della moglie di Michel (il protagonista), ma anche di questo futuro padre, molto impegnato nella sua vita lavorativa, ma inizialmente non del tutto felice, almeno è ciò che ho percepito.
Durante tutta la storia c’è un confronto tra il padre e la figlia, un dialogo nel quale la piccola Claire, non ancora venuta al mondo, cerca di illuminare Michel sulle varie questioni della vita, sulle diverse situazioni personali del passato e del futuro, cercando già di costruire un buon rapporto tra di loro.
Si affrontano vari temi come l’amore dei genitori per i figli, l’educazione da impartire, il comportamento che occorre tenere reciprocamente, l’infanzia, il perdono e tornare a vivere con uno spirito migliore rispetto agli errori commessi nel passato. Fino ad arrivare a temi molto seri e difficili come per esempio la reincarnazione, la vita dopo la morte, la pre-morte ed il contatto telepatico. Tutto in modo molto sereno e coinvolgente grazie alla scrittura appassionante di Lodovici. Egli pone ai suoi lettori, tramite il protagonista (a cui sono rivolte) diverse domande durante tutto il percorso della narrazione. Ciò provoca, indubbiamente, una nostra avvincente partecipazione, perché chiunque potrebbe ritrovarsi ad aspettare per esempio un figlio e sentirsi coinvolto.
Diverse sono le frasi che ho sottolineato e sulle quali mi piace riflettere. Una importante riguarda ovviamente i figli : “Non vi apparteniamo, per la semplice ragione che non veniamo per voi, ma soltanto attraverso di voi”
Davvero sono tanti gli interrogativi che si trovano all’interno di questo libro, riguardano domande che vengono poste dalla figlia a suo padre o che lui formula mentre dialoga con Claire. Una tra tutte “come posso evitare gli errori che ogni genitore compie” ?
Vi assicuro che questa potente storia spirituale provocherà in voi ulteriori interrogativi oltre a rispondere a quelli che già avete. Indubbiamente è un libro che coinvolge e sconvolge, che provoca emozioni e fa riflettere. Su alcuni capitoli e temi si può non essere d’accordo (come è successo a me), ma ciò che trovo davvero molto interessante è che produce in noi un dialogo, uno scossone, ci fa fermare a riflettere e ciò è un bene perché purtroppo non capita spesso a causa della nostra vita troppo frenetica. Quindi ringrazio Roberto Lodovici per averlo scritto. E sarebbe molto interessante  proporre questo testo in un gruppo di lettura, per poi scambiarsi idee, pareri e per discutere sui vari argomenti che sono delicatamente affrontati dall’autore, ciò darebbe vita, sicuramente, a qualcosa di costruttivo: finalmente aumenterebbe il confronto tra gli esseri umani che troppo spesso, a mio avviso, è carente


All’interno del libro viene anche citato un famosissimo libro che ho letto diversi anni fa e che trovai stupendo quindi ve lo consiglio “Lettera al padre” di Franz Kafka.

Trama
La figlia che diede alla luce suo padre ha in sé una duplice valenza. Mostra una nuova visione della relazione padre-figlia vista attraverso una dimensione più spirituale. È nel contempo la storia di un percorso verso la consapevolezza, alla scoperta di se stessi. Ne è protagonista Michel, un affermato architetto, il quale, con l’aiuto della moglie Isabelle e grazie al singolare incontro con la figlia che sta per nascere, intraprende un viaggio ai confini della realtà che lo porterà, dopo un conflitto interiore, a salire tutti i gradini della scala sapienziale. In questa incredibile e toccante esperienza alla ricerca del profondo significato della vita, accompagnato dalla piccola Claire che fungerà da sorprendente e inaspettata guida, scoprirà una via antica, lastricata di pura energia primordiale, la via del cuore e dell’amore.




Commenti

Post popolari in questo blog

Il libro del giorno: “Da ora in poi”

AVVISO IMPORTANTE - IL BLOG SI E' SPOSTATO:

Recensione - “L'uomo che misurava il tempo”