Premio Scerbanenco 2017

Durante la rassegna Noir in Festival, la giuria composta da Cecilia Scerbanenco (Presidente), Valerio Calzolaio, Luca Crovi, Loredana Lipperini, Sergio Pent, Ranieri Polese, Sebastiano Triulzi e John Vignola ha  assegnato a maggioranza il Premio Giorgio Scerbanenco 2017 al Thriller di Luca D'Andrea “Lissy” della casa editrice Einaudi battendo l’altro favorito, Marcello Fois ed Elena Mearini, Romano De Marco e Bruno Morchio.
Una menzione speciale al libro di Bruno Morchio “Un piede in due scarpe” della casa editrice Rizzoli , mentre il Premio dei lettori del Noir in Festival, come miglior romanzo noir, è andato al libro di Romano De Marco “L'uomo di casa” edizioni Piemme.

“Lissy”
Di Luca D’Andrea
Editore Einaudi
Pagine 432
Prezzo euro 19,50
Uscito il 24 ottobre 2017

Trama

Inverno 1974. Marlene ha sposato Herr Wegener, l’uomo più temuto dell’Alto Adige / Sudtirol, per sottrarsi a una vita di miseria. Ora, però, qualcosa è cambiato, e non può più far finta di niente. Sa che il marito non le perdonerà mai il tradimento, ma decide lo stesso di scappare da lui, dopo averlo derubato di un tesoro dal valore immenso, che va ben oltre quello del denaro. Uscita di strada con la macchina mentre tenta di superare il confine, la giovane viene salvata e curata da Simon Keller, un Bau’r, un contadino di montagna che abita in un maso sperduto. Intanto Herr Wegener ha scatenato la caccia, spinto dalla rabbia ma anche dalla difficoltà in cui il gesto della moglie lo ha posto nei confronti del Consorzio, una potente organizzazione criminale. Sulle tracce di Marlene è stato messo l’Uomo di Fiducia, un personaggio gelido e letale che non si fermerà finché non avrà portato a termine il proprio compito. Presto la donna dovrà capire quale sia per lei la minaccia maggiore. Se il marito, il killer, lo stesso Simon Keller. Oppure Lissy.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista all'autore: Andrea Tagliaferri

Recensione - “Il potere e la magia del perdono”

Recensione - “La collina di Dio”