Il libro del giorno - 6 dicembre 2017

Buon mercoledì a tutti voi,
si respira aria di ponte e cosa c'è di meglio se non leggere anche un buon libro durante i giorni di vacanza? Magari un libro che permetta di svagare la mente e anche strappare un sorriso?
Bene ecco per voi il consiglio di oggi, il libro adatto per farvi stare bene leggendolo, che rilassa e scalda anche il cuore. Un libro che ho amato molto e che ho spesso ho consigliato con ottimi riscontri.

“Io che amo solo te”
Di Luca Bianchini
Edizione tascabile Oscar Mondadori
Pagine 264
Prezzo euro 13,50
Uscito in tascabile il 24 maggio 2016
Uscito la prima volta il 30 aprile 2013

Il 19 novembre del 2016 è uscito il seguito, molto divertente, del libro: “La cena di Natale di Io che amo solo” 
Da questi romanzi sono stati tratti due film di grande successo nel 2015 e nel 2016



Trama

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Daiva Lapen

Intervista all'autore: Fiorino Ludovico Smeraldi