Il libro del giorno - 30 novembre

Buon giovedì carissimi lettori e lettrici,

da oggi pubblicherò, ogni giorno o quasi, un articolo riguardante un libro, nuovo, abbastanza recente o di tempo fa, che reputo interessante e che mi fa piacere proporvi.
Nei commenti scrivetemi pure se lo avete già letto e quindi se vi è piaciuto o no, oppure se vi interessa e magari sarà un vostro futuro acquisto

Oggi 30 novembre vi segnalo il seguente libro:

"Qualcosa" di Chiara Gamberale , edizioni Longanesi , euro 16,90 (uscito il 9 febbraio 2017). Illustrazioni di Tuono Pettinato

Ho deciso di iniziare da questo libro, poiché ho avuto il piacere di conoscere Chiara Gamberale alla fiera “Tempo di libri” lo scorso 22 aprile, durante la presentazione di “Qualcosa”. E’ una persona molto gentile, cordiale e disponibile, sono riuscito anche a farmi autografare il libro e non dimenticherò mai quel momento: mi ha guardato un attimo mentre glielo porgevo e si è messa a scrivere. Appena terminato mi sono allontanato e con emozione ho aperto : “ Per come sorride Gabriele” Chiara

E’ stata una grande soddisfazione da un mio sorriso ha capito molto.. 








Trama
La Principessa Qualcosa di Troppo, fin dalla nascita, rivela di possedere una meravigliosa, ma pericolosa caratteristica: non ha limiti, è esagerata in tutto quello che fa. Si muove troppo, piange troppo, ride troppo e, soprattutto, vuole troppo. Ma, quando sua madre muore, la Principessa si ritrova "un buco al posto del cuore". Smarrita, prende a vagare per il regno e incontra così il Cavalier Niente che vive da solo in cima a una collina e passa tutto il giorno a "non-fare qualcosa di importante". Grazie a lui, anche la Principessa scopre il valore del "non-fare". E del silenzio, dell'immaginazione, della noia: tutto quello da cui era sempre fuggita. Tanto che, dopo avere fatto amicizia con il Cavalier Niente, Qualcosa di Troppo gli si ribella e pur di non fermarsi e di non sentire l'insopportabile "nostalgia di Niente" che la perseguita vive tante, troppe avventure... Fino ad arrivare in un misterioso tempio color pistacchio e capire che "è il puro fatto di stare al mondo la vera avventura". Chiara Gamberale si concentra sul rischio che corriamo a volere riempire ossessivamente le nostre vite, anziché fare i conti con chi siamo e che cosa vogliamo.




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Andrea Tagliaferri

Recensione - “L'esperimento”