Alter Ego: Memorie di un viaggiatore ultracorporeo

"Alter Ego: Memorie di un viaggiatore ultracorporeo"
Di Giuliano Golfieri
Independently published


E’ un libro molto particolare, assai interessante e devo ammettere che mi è piaciuto. Non si può inquadrarlo in un solo genere, forse è anche questa la sua particolarità. Quando si inizia a leggerlo, si entra già nella storia avvincente, scatta subito la voglia e la curiosità di scoprire i vari avvenimenti. Mi è piaciuta tanto l’atmosfera in cui è avvolta tutta la vicenda, il protagonista che si presenta immediatamente molto interessante e la trama che risulta essere misteriosa ed ammaliante, a tratti intrigante. Inoltre i momenti storici descritti sono un valore aggiunto alla vicenda. Una scrittura che non stanca mai, ma anzi spinge a proseguire. Davvero un bel libro che purtroppo ho letto in l’ebook, e quindi oltre a consigliarvi di leggerlo, vi suggerisco di prendere la versione cartacea, perché, secondo me, si “gusta” maggiormente tutta la storia, si entra meglio nella vicenda e dal mio punto di vista rende tutto più coinvolgente.

Trama: 

Francia, 1745.Un ragazzo si sveglia in un bosco alle porte di Parigi senza memoria del suo passato.
Tramite un fortuito incidente, scopre di possedere un inspiegabile potere in grado di farlo trasmigrare nel corpo di altre persone, smettendo di esistere e invecchiare durante la permanenza nei suoi ospiti.
Il protagonista trasformerà il suo singolare dono in una sinistra professione al servizio della massoneria e dei potenti della Francia settecentesca, grazie a questa capacità la sua vita si intreccerà con quella di famosi personaggi dell’epoca.
Un’avventura lunga più di un secolo che in un crescendo sempre più ritmato gli farà vivere in prima persona un'escalation di momenti storici, tra cui la rivoluzione francese. 
Attraverso viaggi esotici, sesso, amori dannati, amicizie altolocate e nemici potenti che tramano nell’ombra, culminando in un colpo di scena finale Alter Ego racconta uno scorcio su una delle epoche più buie della storia, con un vivo retrogusto esoterico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista all'autore: Andrea Tagliaferri

Recensione - “Il potere e la magia del perdono”

Recensione - “La collina di Dio”