Recensione - “Ci pensa il cielo”

“Ci pensa il cielo”
Di Liliana Onori 
Editore: Librosì Edizioni
Pagine: 239
Prezzo: euro 15,00
Data di uscita: 26 febbraio 2018

Liliana Onori ci propone il suo secondo libro e lo fa col sequel del suo esordio: “Come il sole di mezzanotte”.
Con grande piacere ho ritrovato i protagonisti del primo romanzo, ai quali mi ero affezionato, ed ho quindi avuto la possibilità di immergermi nuovamente nelle loro vicende narrate molto bene  dall’autrice ed ambientate nell’Irlanda dei primi del ‘900 con cenni storici. I personaggi sono, secondo me, il punto di forza di tutta la storia, perché sono ben descritti e hanno una forte ed interessante personalità, cosa che apprezzo sempre molto quando leggo i libri.
In particolare la protagonista, Hope, è al centro della battaglia per i suoi diritti: quello del voto alle donne e all’uguaglianza ed agisce in modo molto deciso dimostrando tutto il suo carattere forte e combattivo che unito al suo coraggio ed alla passione per ciò in cui crede, decide di diventare un’attivista di un gruppo di suffragette. Liliana Onori, ci coinvolge anche con questo suo lavoro grazie alla sua scrittura molto scorrevole, incisiva ed appassionante, infatti si percepiscono i moltissimi e profondi sentimenti, di ogni genere, che si ritrovano a vivere i protagonisti all’interno del libro e noi con loro dato che riescono a trasmetterceli molto bene. Inoltre, a differenza del suo primo libro, qui si può affermare che è più impegnato perché  lancia dei messaggi molto forti che riguardano l’uguaglianze e la difesa delle donne.
All’interno della vicenda, si trova spazio anche per le interessanti ed emozionanti storie d’amore che danno un tocco di fascino e di calore a tutta la storia. Inoltre anche l’amicizia, vera e profonda, ha un ruolo importante, oltre ai rapporti di famiglia, a volte burrascosi, di alcuni personaggi, i cui intrighi e misteri tengono il lettore col fiato sospeso nel corso delle pagine, mettendolo davanti al dilemma di scegliere da quale parte stare, se appoggiare la verità o preferire la famosa “bugia bianca” detta per non far soffrire.
Il titolo, inoltre, è qualcosa di meraviglioso e racchiude tutto il significato del libro: lottare per ciò in cui si crede, andare avanti nonostante le avversità ed avere fiducia nel futuro, essere ottimisti, mai perdersi d’animo, perché senza saperlo … ci pensa il cielo ad aiutarci. Ma occorre crederci fortemente.
Una storia composta da varie vicende che ci coinvolgono in modo intenso e potente grazie alla passione, ai sentimenti ed alle azioni dei personaggi.
Un libro che sicuramente è costruttivo ed istruttivo ed in cui viene dato moltissimo spazio alla vicenda della lotta ai diritti, quindi consigliato in particolare per gli appassionati di questo genere che lo troveranno interessante. Rispetto al primo, che forse ha fatto sognare un po' di più, questo è meno romanzato, ma più potente a livello del messaggio che vuole trasmettere. Infine segnalo le belle illustrazioni che si trovano all’interno e che aggiungono al libro un tocco raffinato.
Concludo con un passaggio :

“Pensando a Hope e ai guai in cui si stava cacciando per le sue idee rivoluzionarie e progressiste, si rammaricò ancora di più di non avere accanto Anna che lo consigliasse, che lo guidasse nella crescita di quella ragazzina ribelle e testarda, impavida e incosciente, e che gi facesse anche aprire gli occhi su quegli aspetti che avrebbe potuto  non capire e accettare…”

Trama
Irlanda, primi del 1900. Hope, ragazza ribelle di una famiglia nobile entra a far parte del movimento delle suffragette. Coraggiosa ma inesperta, stringe una pericolosa amicizia con l’attivista Ashling, mentre si innamorerà del suo stesso nemico, Jude il poliziotto bello e orgoglioso incaricato dal governo di sedare le ribelli. Ma il destino ha in serbo per la tenace Hope altre sorprese, il mare riporta a casa un fantasma del passato, di un amore che non è stato dimenticato. “Ci pensa il cielo” è l’atteso sequel di “Come il sole di mezzanotte” e ci riporta indietro nel tempo e nello spazio per farci vivere un’altra intensa storia d’amore e di passioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - “La teoria di Camila”

Intervista all'autore: Daiva Lapen

Intervista all'autore: Fiorino Ludovico Smeraldi